Quei 4 minuti di palleggio

da | Feb 12, 2018 | Calcio Napoli | 0 commenti

Sono stati quattro minuti – quelli in cui il Napoli ha fatto girare palla senza soluzioni di continuità, ad uno, massimo due tocchi, contro una Lazio annichilita, stremata più mentalmente che atleticamente, incapace di opporsi e reagire allo strapotere del Napoli – quelli che, a mio sommesso avviso hanno forse ribaltato le gerarchie del campionato. Quattro minuti in cui s’è avuta netta la certezza, non più solo la sensazione, che il Napoli non è solo una magnifica squadra di calcio ma una vera e propria opera d’arte da ammirare, difendere e proporre alle future generazioni di tecnici, esteti ed amanti del calcio. Molto più della Juve dei sei scudetti consecutivi, tutta potenza ed individualità a disposizione prima di Conte ora di Allegri. Contro questo Napoli la Lazio ha resistito un solo tempo, frutto di un grosso dispendio atletico e di grande rigore tattico, per poi consegnarsi, inerme ed inebetita, all’insostenibile leggerezza con cui il Napoli s’è lasciato andare al piacere di uno spettacolo divertito e divertente nel quale è sembrato quasi che i gol non fossero il frutto di un lavoro meticoloso e sapiente che dura da tre anni quanto piuttosto la casuale capacità di rendere semplici gesti tecnici difficili con la benevole complicità della Dea Eupalla di breriana memoria, nonostante infortuni e virus influenzali. Ma questo Napoli è diventato più forte di tutto e di tutti; della sfortuna e anche della pressione psicologica continua che la Juve vuole mettergli addosso. Una pressione che ora, dopo la prestazione offerta contro la Lazio, è diventata tutta a carico della Juve che insegue. Ed è chiaro, ormai, che tra Napoli e Juve si può tranquillamente parlare di una guerra, sia pure sportiva, tra due “civiltà” calcistiche completamente agli antipodi. E mi viene da ricordare, senza passare per un pazzo visionario, le lotte tra Atene e Sparta per il predominio nell’antica Grecia. Atene rappresentava l’ideale etico ed estetico in cui il genio, la bellezza e l’arte trovavano massima espressione, laddove Sparta, ruvida e rozzamente concreta pensava solo a crescere e allevare guerrieri per le sue guerre vincenti e di conquista. Sarri, in questo senso, è il Pericle azzurro: la vittoria deve passare necessariamente attraverso un progetto di bellezza e concretezza del gioco e di costante crescita mentale del gruppo, laddove Allegri sacrifica tutto – gioco, divertimento, estetica – al pragmatismo quasi militare che gli impone una società che ha solo un obiettivo: vincere e dominare, in qualsiasi modo e qualsiasi mezzo! Ma quei quattro minuti di palleggio, infiniti ed eleganti, anche agli occhi di spettatori neutrali e addirittura degli stessi tifosi laziali, hanno fatto capire che il gap tecnico e di rosa, che pure esiste tra Napoli e Juve, s’è forse definitivamente annullato per la maturità, la consapevolezza raggiunta dagli azzurri. Questo non vuol dire che il Napoli vincerà, ma è un fatto che ormai, per parlare di questa squadra appare assolutamente riduttivo discutere di modulo o di sistemi di gioco per spiegarne modo di stare in campo e capacità di vincere. Perché il Napoli non è solo un bel vedere per chi ama il calcio, è un’opera d’arte nella quale, in certi momenti, si tocca concretamente la perfezione come nei quattro minuti di palleggio tra tutti gli azzurri contro una Lazio preoccupata solo di non subire altri gol. È questo il vero grande miracolo di Pericle-Sarri: aver mixato bellezza, eleganza della manovra ad una concretezza che rende il Napoli di una bellezza rara. D’altra parte il tecnico di Figline Valdarno lo aveva detto ad inizio della sua avventura azzurra. Ricordate? Affermò testualmente: “Servono tre stagioni per arrivare a giocare come il mio Empoli”. In molti sorrisero perché quell’Empoli s’era soltanto salvato “bene” giocando un calcio propositivo e non difensivo o barricadero… Non tutti capirono, allora, che lo “scudetto” di quell’Empoli era la salvezza!! Sarri, alla terza stagione in azzurro, ha forgiato il Napoli ad immagine e somiglianza di quell’Empoli: consapevole, maturo, con la voglia di divertirsi e giocare a calcio senza paura. Un caso che contro la Lazio c’erano quattro pretoriani del suo Empoli ? Forse no, almeno così mi piace pensare… A dimostrazione che in Italia si può provare a vincere anche con le idee, proponendo qualcosa di nuovo e di bello contro l’arroganza dei più forti e prepotenti. Proprio come nell’Atene del periodo d’oro di Pericle.

Siamo nelle mani di Mister Sarri e..

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions

Il Napoli riprende la marcia verso la Champions, sconfitta la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz ed Osimhen nel finale. Il Napoli riprende la marcia verso la Champions League, dopo la prestazione di mercoledì contro la Juventus, dove per la squadra partenopea è...

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all’Allianz Stadium

Il Napoli molla i 3 punti all'Allianz Stadium, due dormite difensive regalano il doppio vantaggio ai bianconeri, nel finale accorcia su rigore Insigne ma non basta. Giallo allo stadium, dov'è finita la sala VAR? Allianz Stadium - In scena il tanto tormentato e...

Una panchina per tre

Una panchina per tre

Giorni di valutazioni, di contatti e di futuro. Il Napoli squadra è fermo, causa sosta Nazionale, il Napoli dirigenziale è attivo, molto attivo. Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore. Molti, troppi (alcuni davvero fantasiosi) i nomi venuti fuori in...

Questa volta benedette Nazionali!

Questa volta benedette Nazionali!

Sono tornati tutti gasati gli azzurri prestati alle rappresentative delle loro patrie Questa volta De Laurentiis e Gattuso non possono lamentarsi. Le altre volte lo hanno sempre fatto, soprattutto il presidente, e avevano le loro sacrosante ragioni. Ma ora...

Il Napoli è ora equilibrato

Il Napoli è ora equilibrato

Dopo le due vittorie in trasferta, servono conferme nelle ultime 11 partite Diversamente da De Laurentiis, Gattuso mi ha subito ispirato simpatia e, da allenatore, fiducia. Non solo per la Coppa Italia vinta ma per la brutta gatta da pelare che s’era preso succedendo...

Ma Gattuso era così scarso?

Ma Gattuso era così scarso?

Non è Rinus Michael’s, Cruyff o Fergusson ma è un tecnico completo ed affidabile Sembra proprio che il Napoli si sia svegliato dal letargo invernale con relative amnesie di gioco. L’arrivo ormai imminente della primavera preoccupava i tifosi soprattutto per il...

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

Ritorna Lozano, l’ultimo gioiello

È pronto a ripartire ma la sua assenza, che è durata ormai più di un mese, è stranamente passata sotto silenzio rispetto a quelle di Osimhen e di Mertens. Eppure Hirving Lozano, al momento dell’infortunio, era il vero goleador del Napoli, il valore aggiunto di una...

Il Napoli gioca già sul mercato

Il Napoli gioca già sul mercato

Il ds Cristiano Giuntoli è al lavoro per progettare la squadra del futuro: ecco i nomi sul suo taccuino In questo particolare momento della stagione esistono due Napoli, quello che sul campo tenta di centrare l’accesso alla prossima Champions e quello che lavora per...

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, decide un gol di Politano

Azzurri vittoriosi a San Siro, tre punti fondamentali conquistati contro la seconda in classifica, decide un gol di Politano che rilancia il Napoli in classifica, 10 punti nelle ultime 4 partite e zona Champions a -2 con una partita in meno. Gli azzurri arrivano alla...

Dodici puntate alla fine del romanzo

Dodici puntate alla fine del romanzo

Gattuso deve guidare il Napoli alla conquista di un posto in Europa, possibilmente in Champions League Cessate le antiche turbolenze, dimenticati - per ora - i velenosi e traditori contatti del presidente con altri allenatori dopo la “fatal” Verona, e stoppate...

Il gap italiano con i top club europei

Il gap italiano con i top club europei

Le notti d’ Europa, nonostante i progressi e la strada della gioventù intrapresa da Mancini con la sua nazionale, hanno confermato il gap ancora esistente tra i nostri top club e i club europei, anche quelli di non primissimo livello, come hanno dimostrato...

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

Il Napoli e le cessioni, quanti errori

In questi anni mandati via giocatori che sarebbero invece tornati molto utili Il Napoli in questi ultimi anni non è stato sempre avveduto in fase di mercato. Ci sono su piazza e perfettamente impiegati tanti calciatori, acquistati e non valutati correttamente, che...

Haaland, che rimpianto per Adl

Haaland, che rimpianto per Adl

Il centravanti norvegese fu trattato per primo dal Napoli, ma chiedeva uno stipendio troppo alto L’occasione della vita sprecata. Un rimpianto senza fine: il Napoli avrebbe potuto acquistare per una cifra diciamo quasi irrisoria il fuoriclasse del presente e del...

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna

Insigne trascina il Napoli contro il Bologna, doppietta del capitano azzurro che apre le marcature e nel momento in cui la squadra di Mihajlovic la riapre, il magnifico si carica i suoi sulle spalle e firma il definitivo 3 a 1. -Insigne trascina il Napoli- Dimenticare...

Napoli, serve la testa giusta

Napoli, serve la testa giusta

Contro il Bologna gli azzurri devono sbloccare al più presto il risultato Assistendo tra l’incredulo e lo sconcertato al finale di Sassuolo-Napoli ho pensato subito al lapidario giudizio che Mourinho dette di Balotelli: “Ha un solo neurone che gli funziona a...

La Lega Calcio allo sfascio

La Lega Calcio allo sfascio

Il caso-Napoli non ha insegnato nulla ai presidenti delle società. Ci ricascano con il Torino L’atteggiamento della Lega Calcio sulla vicenda Lazio-Torino è davvero imbarazzante. Lascia interdetti. Come è possibile che il mondo del calcio, nella sua versione...

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Koopmeiners, idea per il centrocampo del futuro

Ci sono momenti nella vita, nei quali comprendi che qualcosa si è rotto. Qualcosa in cui credevi, qualcosa che ti ha portato tanto vicino al successo memorabile che quasi te lo senti addosso. La sconfitta, pardon, il pareggio subito a Reggio, a partita praticamente...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te