Ragazzini che scimmiottano i boss

da | Gen 8, 2018 | Sud100cento | 0 commenti

Arturo da una parte e le ultime “stese” dall’altra, ennesime vittime di una microcriminalità sfacciata e impunita che imperversa in tutte le metropoli del mondo ma che quando succede a Napoli desta clamore. I grossi numeri delle rapine consumate in pubblica via e gli scippi a Napoli, non contribuiscono, purtroppo, a mantenere l’eccellente reputazione della nostra città che, in barba allo “sputtanapoli”, la vede avulsa o molto al di sotto della media nazionale rispetto alle macabre statistiche di tasso di delittuosità dove giganteggiano città come Milano, Bologna, Torino. Addirittura tra le ultime in classifica, tra le metropoli italiane, come violenza sulle donne, come furti in abitazione, nei negozi, clonazioni di carte di credito, phishing e frodi su internet. Ma per Saviano queste notizie non sono un bene che circolino in quanto i suoi libri avrebbero difficoltà ad essere venduti in un’Italia che lo ha eletto come simbolo dell’antinapoletano, il perfetto cavallo di Troia calatosi nelle vesti di inquisitore dall’occhio maligno. Lui tronfio e sazio di soldi e fama che gli ha procurato un romanzo mediocre e controverso come Gomorra continua imperterrito a fare la vittima di camorra godendo ignobilmente di una scorta di ben 7 uomini (il capo della squadra mobile di Napoli, Pisani, che di casalesi ne ha arrestati tanti, critico nei confronti di questo privilegio assegnato a Saviano, passeggia liberamente con la sua famiglia senza “7 angeli custodi”, per dire). Lui che non conosce Napoli e che non l’ha mai vissuta discetta e critica, parla di stese e bambini di paranza e appare godere come un matto quando Napoli invece assiste pietrificata a delitti del genere. Accecato dalle telecamere, non ha mai avuto una parola d’amore nei confronti di Napoli, solo accuse e business che gli hanno fatto perdere di vista l’etica e la morale tanto da lasciarsi scivolare addosso le critiche aspre e veritiere di gente che combatte davvero la criminalità: ”La criminalità organizzata in questa storia non c’entra niente. Lo sanno molto bene, i camorristi veri, che le “stese” poi significano grande attenzione delle forze dell’ordine e della stampa e riflettori puntati per giorni su un intero quartiere: l’esperienza mi insegna che non è quello che vogliono. Si tratta di azioni che vanno oltre ogni logica criminale, spari in aria per fare cosa? Ancora una volta è opera di ragazzini che giocano a scimmiottare Gomorra. Si mettono insieme, diventano un branco e seminano il terrore”. Così afferma perentorio il questore di Napoli, concorde, assieme a magistrati e prefetti nel definire la glamour e patinata serie tv Gomorra come il pessimo esempio da fornire ai ragazzi che non hanno un punto di riferimento solido e profondo, attratti irrimediabilmente dalle figure carismatiche ottimamente interpretate da ottimi attori, che conquistano anche grazie a frasi simpatiche e ad effetto diventate veri e propri tormentoni di ogni fascia sociale e di età. Lo ricordiamo anche noi che questa criminalità, nonostante la ferocia reale e quella rappresentata in tv, non è più pericolosa della vera e propria criminalità che si cela sotto la connivenza tra mafie e Stato, mafie e Politica, mafie e Colletti bianchi. Ma questo Saviano non te lo dirà mai.

Un’occasione per unire il Sud

Un’occasione per unire il Sud

Le prossime regionali in Calabria, dopo la prematura dipartita della governatrice Jole Santelli, saranno l’ennesimo banco di prova per testare e consolidare, con una tappa in più, quella mai sopita idea di unione politica con testa, cuore e sede nella nostra amata...

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

I Savoia, una stirpe che l’Italia protegge

Una norma italiana del 2002 consentì il rientro degli eredi della sanguinosa dinastia. Un rientro in Patria per i discendenti che si rivelò un vero e proprio boomerang per il Governo italiano al quale i Savoia, non paghi di questa benevolenza concessa per volere...

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Abbiamo scoperto che si può fare

Cambiare la toponomastica? Se ci sono davvero volontà e giuste motivazioni si può. È questo il messaggio che arriva dopo aver intitolato, meritatamente, al nostro compianto Diego Armando Maradona, con una semplice delibera del Consiglio comunale di Napoli, lo stadio...

L’8 dicembre: più di una festa

L’8 dicembre: più di una festa

In questa data si celebra l’Immacolata Concezione, patrona del Regno delle due Sicilie ma anche altro L’otto dicembre, una data che un tempo non rappresentava soltanto un’importante ricorrenza religiosa per il popolo del Regno delle due Sicilie profondamente devoto...

L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

L’eroe che ha difeso Napoli dall’Italia

La morte del campione argentino, che si sentiva napoletano, vista attraverso il calcio come fattore identitario Sappiamo tutti che il Napoli Calcio non è solamente la squadra di calcio della città di Napoli nonché la più blasonata dell’Italia meridionale. Ed è anche...

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

Perché comprare prodotti del Sud Italia, ora più che mai

“Compra Sud” (locuzione che racchiude oramai diverse associazioni, movimenti e politiche di acquisto)  nasce, esclusivamente, dall’amore per la nostra Terra, il Sud Italia vittima passiva di reiterate spoliazioni. Si sente il bisogno, in tempi di crisi globali, di...

Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

Cenerentola e Lady Oscar sono napoletane

Cenerentola, favola dei fratelli Grimm, diventata famosa soprattutto per la trasposizione cinematografica Disney, in realtà era una fiaba del ‘600 di Giambattista Basile: La Gatta Cenerentola. Faceva parte della collana “Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de...

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

di Gennaro De Crescenzo* Il dibattito in questi giorni è vivace: il Giro d'Italia anche quest'anno ha di fatto cancellato il Sud con l'eccezione di una fugace apparizione pugliese e abruzzese, tra San Giovanni Rotondo e Vasto-L'Aquila. In queste ore una provocazione...

Pulcinella: origini e segreti della maschera simbolo di Napoli

Pulcinella: origini e segreti della maschera simbolo di Napoli

Pulcinella, la maschera partenopea più irriverente della Commedia dell’Arte affonda le sue origini nelle antiche rappresentazioni teatrali romane, le Atellanae. Qualcuno infatti lo associa a Maccus, personaggio ghiottone delle Atellanae, altri a Kikirrus per la sua...

Populismo, intelligenza artificiale e lavoro

Populismo, intelligenza artificiale e lavoro

Il futuro deciso dai potenti riuniti al Lingotto Ancora una volta gli uomini del Sud anticipano tutti e profetizzano il ruolo del Bilderberg. Come accade da ben 64 anni, da quando per la prima volta si tenne, almeno ufficialmente, la prima conferenza presso l’hotel De...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te