Povia: “Porto Napoli nel cuore”

da | Dic 18, 2017 | Cultura&Spettacolo | 0 commenti

Vincitore del Festival di Sanremo nel 2006, Povia – da allora – ha cambiato registro ritagliandosi un posto privilegiato tra gli artisti controcorrente. Libero nell’esprimersi, al costo di essere tagliato fuori dai palcoscenici mediatici, l’artista milanese da anni propone dei brani che definire ribelli sarebbe riduttivo, a partire dalla rilettura della storia dell’Unità d’Italia. Ne abbiamo discusso al termine di un suo concerto tenutosi in settimana al teatro Sannazaro, blindato da almeno venti poliziotti in assetto antisommossa e due camion delle forze dell’ordine. È il prezzo da pagare per chi dice quel che pensa.

Povia è settentrionale, eppure accarezza spesso le tematiche meridionaliste. Come mai?

“Sono nato a Milano, è vero; tuttavia ho origini pugliesi e campane. Quando ero piccolo i miei amici dicevano che i meridionali erano mafiosi e puzzavano. Pian piano ho studiato la storia del Mezzogiorno e mi sono reso conto che le cose non stavano come si diceva su al Nord”.

In che senso?

“Ad esempio – ma questo negli ultimi anni – ho iniziato a leggere i libri di Pino Aprile e di Angelo Forgione e gli scritti di docenti universitari come Di Rienzo. Pian piano ho compreso che la vera storia d’Italia non era quella che si raccontava a scuola. Del resto mi son sempre chiesto: è mai possibile che Garibaldi e 1000 uomini abbiano unificato il paese da soli? La scintilla che fece scoccare la mia passione avvenne quando lessi uno scritto di Gennaro de Crescenzo, presidente dei neoborbonici. Ho capito dunque che le problematiche del Sud sono iniziate con l’Unità d’Italia”.

Quindi l’Italia non fu unita da un orgoglio patriottico sincero?

“Napoli è stata la terza capitale europea: avevate una grande flotta mercantile e militare. Il Sud era una potenza economica, detenendo circa cinquemila miliardi di euro attuali. Era normale che tutto questo splendore facesse gola agli stati continentali e del Nord Italia. Non a caso le lobby anglo-francesi hanno finanziato la spedizione dei Mille. La storia del mondo l’ha fatta il Sud, il Nord ha sempre prelevato. Del resto ultimamente il Movimento 5 stelle ha giustamente presentato in tutte le regioni del Sud Italia una mozione per fissare un giorno in memoria dei briganti uccisi durante la guerra di unificazione. In realtà i briganti erano patrioti che difendevano i propri territori dall’invasione dei Savoia. Andrebbe studiata nelle scuole la vera storia dell’unità d’Italia”.

Alla tematica hai dedicato una canzone?

“Si, si chiama “Al Sud” ed è accolta sempre con grande entusiasmo dai meridionali. Invece proprio in queste settimane sto scrivendo un pezzo sull’eccidio di Casalduni, paese di cui sono cittadino onorario”.

E oggi continua questo sacco ai danni del Mezzogiorno?

“Se storicamente le politiche italiane sono state a trazione nord-centrica, oggi c’è un’inversione di tendenza e si ragiona in termini germano-centrici. Da quando siamo entrati nell’euro la batosta l’ha presa anche Milano, il Veneto, il Trentino. Oggi il Nord Europa danneggia il Sud Europa, un po’ come avviene tra Nord e Sud America”.

Qual è il futuro dell’Italia?

“Per me l’Italia non esiste: ci vorrebbero delle gestioni diverse per ogni regione. L’agricoltura di Napoli non sarà mai come quella di Trento. Come facciamo a rispettare il trattato di Lisbona se noi portiamo la 38 e la Germania la 42? Ogni Stato porta un numero diverso di scarpe. Invece l’Unione Europea ci vuole tutti uguali e questo non è possibile: occorre riscrivere tutti i trattati e lo stesso dicasi per le varie regioni, che sono di fatto delle nazioni. A me piace l’idea delle macroregioni e di uno stato centrale sovrano pronto a intervenire – laddove le regioni non ce la facessero ad andare avanti con le proprie risorse – mediante iniezioni di liquidità. In America funziona così: se la Florida non ce la fa interviene lo stato centrale”.

Come hai trovato Napoli?

“Qui la gente è accogliente, c’è tutto un altro sole. Napoli la ho nel cuore. Partenope è stata distrutta e dimenticata e spetta alle istituzioni darsi una mossa. Per quanto riguarda de Magistris, comprendo che fare il sindaco di Napoli non è come fare il sindaco di Trento: qui vi sono molteplici problemi. A mio avviso, però, il vostro primo cittadino è troppo schierato coi centri sociali – penso ad esempio a Insurgencia – e questo può portare un freno allo sviluppo della città”.

Saviano potrebbe essere un sindaco ideale per Napoli? Che ne pensi?

“Non ho la stima del personaggio intellettuale Saviano. Così come non direi che l’unica mafia, quella più pericolosa, sia quella che lui racconta. Ci sono tanti tipi di mafie adesso legalizzate, e penso alle mafie finanziarie, delle lobby e delle grandi corporation. Penso ad esempio alla Coca Cola che incassa 40 miliardi di dollari: è uno stato alla pari della Grecia. Se ci fosse uno stato sovrano la terrebbe sicuramente a bada, la mafia, ma questo non avviene. E soprattutto al Sud ci dovrebbe essere una rivoluzione culturale nelle scuole, a iniziare dai testi scolastici che dovrebbero raccontare le verità della propria terra. Tornando al sindaco, io vedrei bene Angelo Forgione. Si capisce che è innamorato del territorio”.

Carolyn Smith: “Io ballo con il cancro

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

Arte e musica in streaming

Arte e musica in streaming

Sei testimonial d’eccezione per la rassegna del treatro Trianon Viviani “Suoni contro muri” Il Covid ha letteralmente paralizzato cinema e teatri. La cultura sta soffrendo più di tutti i settori (insieme al turismo) gli effetti letali della pandemia. Ma a Napoli c’è...

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

È un bilancio 2020 più che lusinghiero per la casa editrice napoletana Graus Edizioni che nonostante la pandemia da Covid-19, lo smart working, le restrizioni e il divieto di organizzare eventi può esibire confortanti successi di vendita delle sue pubblicazioni. “Non...

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Non un libro questa settimana ma il commosso omaggio ad un autore mancato appena pochi giorni fa, il quale lascia un ricordo indelebile in chi lo ha conosciuto. Parliamo di Paolo Isotta, professore emerito del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, uno tra i...

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Un libro-intervista sull’odissea di un manager torinese costretto a trasferirsi e a lavorare a Dubai All’epoca il caso occupò a lungo la ribalta della cronache nazionali. Uno dei tanti scandali giudiziari finiti in una bolla di sapone, con tanto di calvario subito da...

’Nce vurrìa nu miraculo?

’Nce vurrìa nu miraculo?

Nun se po’ suppurtà c’ ’a Reggione e ll’Asl Na1 ritardanno ’a riqualificazzione d’ ’o spitale ‘San Gennaro’ Naturalmente nun sto’ pparlanno ’e san Gennaro ’o prutettore ’e Napule, che ’e miracule ’e ffa. Parlo ’e ll’antico spitale napulitano che pporta ’o nomme ’e...

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

’A cummunetà cinìse tene a Nnapule na tradezzione longa e ’mpurtante accummenciata ô XVIII seculo Vuje forze manco ’o ssapiveve ca mo mmo simmo trasute int’a ll’anno d’ ’o Voje (o Vùfero), animale sìmmolo ’e cuòccio e fforza d’anema. Però ’o ssapevano buono ’e 12.500...

Teatro, la casa diventa scena

Teatro, la casa diventa scena

Oggi in diretta sulla pagina Facebook del Suor Orsola Benincasa il progetto “Screen Life Theatre” “Screen Life Theatre”. La casa che diventa scena. Azioni performative che dalle case degli attori raggiungono le case degli spettatori. Sono le nuove frontiere del teatro...

Carnevale in tempo di pandemia

Carnevale in tempo di pandemia

Quest’anno i festeggiamenti saranno diversi dal solito: prevarranno le regole sulla tradizione Il Carnevale è la festa del disordine, carnem levare, eliminare la carne, una festa pagana, che a Roma si legava ai Baccanali, in onore di Bacco, dio del vino, della...

Mezzogiorno, beni culturali e la loro valorizzazione

Mezzogiorno, beni culturali e la loro valorizzazione

È interessante talvolta ritrovare libri che trattano problematiche poste in essere vari lustri e decenni fa e che - nonostante il tempo trascorso - non sono adeguatamente evolute. Sono questi squarci editoriali infatti che lasciano intravedere l’attenzione e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te