Intervista a “La Maschera”

da | Nov 6, 2017 | Cultura&Spettacolo | 0 commenti

Musica. La band napoletana presenta il nuovo album: gli eroi, ovvero i protagonisti, sono le persone comuni

Sono una delle band napoletane maggiormente apprezzate per la qualità della musica e dei testi. Il 10 novembre uscirà per Full Heads il loro secondo album, “Parco Sofia”, che arriva a distanza di tre anni dal successo de “O’ Vicolo ‘e l’Allerìa”. Si chiamano “La Maschera” (in foto) in omaggio a Pirandello e a Eduardo e per marcare il dualismo insito nella realtà che raccontano nelle canzoni. Eppure quando incontriamo Roberto Colella, il frontman, la sua spontaneità disarmante, sembra quasi far pensare a un ossimoro dietro quel nome artistico che lo identifica. Arriva da via Manzoni, dove abita adesso, ma la prima cosa che dice tra una chiacchiera e un caffè è: “sono di Villaricca”. Villaricca è la terra di origine di Sergio Bruni, di Peppe Lanzetta, di Pino Mauro. E allora viene da chiedersi se una piccola parte di questo talento sia da attribuire a quella terra. Viene da chiedersi se non sia un po’ un “vicolo ‘e l’allerìa”, quel “luogo che è un paradiso immaginario”. Anche “Parco Sofia” è un luogo. Come afferma Roberto però “è più reale de ‘o vicolo, ma mantiene quella veste un po’ magica di posto che non esiste, idilliaco, dove esistono dei valori che sono quelli, ma amplificati e perciò quasi fittizi. Le storie però partono tutte da immagini accadute realmente”.

Che storie racconta “Parco Sofia”?

“Sono storie di vita o storie di viaggi. Alcune sono mezze vittorie, altre sono
sconfitte, come il pezzo “Signora vita”, che racconta proprio questo. Poi c’è “Binario 23”, che è la storia di un barbone che stava sempre a quel binario, alla stazione. Lo vedevo ogni volta che partivo: stava steso e ogni volta che passava il treno si alzava. Non ci ho mai parlato ma ho immaginato una storia”.

Hai affermato che le vostre canzoni sono «racconti di un mondo dove gli eroi sono persone comuni». Di chi parliamo?

“In questo mi rifaccio alla frase di Lucio Dalla: «l’impresa eccezionale, dammi retta, è essere normale». Credo che chi accetta la sua condizione di normalità probabilmente sia una persona eccezionale più di chi tenta di essere ciò che non è. Nel disco c’è un brano che si chiama “Case popolari”, che ne è un po’ la sintesi: racconta di queste persone, e ognuna di loro nei primi due versi sembra un eroe
e negli altri due pare nu pover’homme, che poi è davvero nu pover’homme, ma come tutti in fondo”.

E poi ci sono i bambini come in “Dimane comm’ ajere”…

“Io mi sento molto bimbo. Nel brano “Me sento sicuro” dico che «la paura mia chiù grossa è chella de no guardà ogni cosa come fosse ‘a prima vota» che è poi la bellezza dei bambini che provano stupore per ogni cosa. Il motivo della presenza di un bambino in “Dimane comm’ ajere” o in copertina, riassume quello che è il disco: un bambino che viaggia su una piroga senegalese, fluttuando tra i vicoli del centro storico. È il mondo visto con gli occhi di quel bambino”.

Che legame c’è tra queste due realtà?

“I punti in comune sono molti. In Senegal però è come se fosse tutto amplificato: a Napoli ci sono i poveri? Lì sono più poveri. E poi la dignità, la bellezza nell’affrontare la vita, la disponibilità della gente. Napoli è una città che si fa notare per la sua bontà, ma lì si affronta tutto con il sorriso e non esiste il tempo: ce verimm aropp’ può essere tra due ore o tra due giorni”.

Insieme alle contaminazioni la vostra musica si caratterizza anche per le tante collaborazioni con altri artisti napoletani. Lo stesso avviene anche in quest’album che vede la partecipazione di Gnut, Daniele Sepe, Dario Sansone, solo per citarne alcuni. Quanto conta oggi, con le difficoltà che caratterizzano la scena musicale, saper collaborare?

“Alcune di queste collaborazioni erano nell’aria. C’erano già rapporti di amicizia con Dario dei Foja o con Tommaso Primo, ad esempio. Poi ho avuto la fortuna di conoscere Daniele Sepe, che ritengo sia uno dei più grandi musicisti che abbiamo. Penso faccia davvero bene a Napoli questo clima, questo svestirsi di questa patina d’ego che distrugge tutto, e spero si arrivi al punto in cui si faccia musica solo per fare musica e non per avere successo ed essere riconosciuti per un selfie. Quello è solo vanità”.

E se guardi alla tradizione e ai grandi successi del passato, cosa ti piacerebbe aver scritto?

“La canzone napoletana l’ho scoperta tardi, prima ascoltavo prevalentemente musica straniera, niente a che vedere con quello che poi ho fatto. La tradizione mi ha sconvolto, ci sono passaggi armonici incredibili, dei testi di una poesia talmente grande che fanno paura. Penso a E.A. Mario o a Di Giacomo che scrivevano canzoni come “Era de’ maggio”. Ecco, per questa canzone venderei un braccio per potere averla scritta. Dante Alighieri nel 900 non avrebbe scritto la “Divina Commedia”, no, “Era de’ maggio” avrebbe scritto!”.

Caterina Balivo tra famiglia e tv

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

La storia di Bagnoli in una mostra online

La storia di Bagnoli in una mostra online

Era nata per essere allestita alla Casina Pompeiana, per poi essere convertita in progetto digitale a causa del perdurare della pandemia. E la storia di un sito attraverso centinaia di documenti, come le immagini del progetto utopistico redatto dall'urbanista...

Il corto contro il bullismo omofobo

Il corto contro il bullismo omofobo

“A modo mio” di Danilo Rovani, prodotto da Itinerari di Napoli, è ispirato ad una storia vera “A modo mio” è il cortometraggio di Danilo Rovani con Cosimo Alberti e Denise Capuano, prodotto da Itinerari di Napoli di Massimiliano Sacchetto e Carmela Autiero...

Arte e musica in streaming

Arte e musica in streaming

Sei testimonial d’eccezione per la rassegna del treatro Trianon Viviani “Suoni contro muri” Il Covid ha letteralmente paralizzato cinema e teatri. La cultura sta soffrendo più di tutti i settori (insieme al turismo) gli effetti letali della pandemia. Ma a Napoli c’è...

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

Corradino superstar. Graus, boom di vendite

È un bilancio 2020 più che lusinghiero per la casa editrice napoletana Graus Edizioni che nonostante la pandemia da Covid-19, lo smart working, le restrizioni e il divieto di organizzare eventi può esibire confortanti successi di vendita delle sue pubblicazioni. “Non...

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Addio al grande musicologo e critico Paolo Isotta

Non un libro questa settimana ma il commosso omaggio ad un autore mancato appena pochi giorni fa, il quale lascia un ricordo indelebile in chi lo ha conosciuto. Parliamo di Paolo Isotta, professore emerito del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli, uno tra i...

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Tav e malgiustizia, scoop napoletano

Un libro-intervista sull’odissea di un manager torinese costretto a trasferirsi e a lavorare a Dubai All’epoca il caso occupò a lungo la ribalta della cronache nazionali. Uno dei tanti scandali giudiziari finiti in una bolla di sapone, con tanto di calvario subito da...

’Nce vurrìa nu miraculo?

’Nce vurrìa nu miraculo?

Nun se po’ suppurtà c’ ’a Reggione e ll’Asl Na1 ritardanno ’a riqualificazzione d’ ’o spitale ‘San Gennaro’ Naturalmente nun sto’ pparlanno ’e san Gennaro ’o prutettore ’e Napule, che ’e miracule ’e ffa. Parlo ’e ll’antico spitale napulitano che pporta ’o nomme ’e...

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

Ll’anno ’e draghi? No, d’ ’o Voje…

’A cummunetà cinìse tene a Nnapule na tradezzione longa e ’mpurtante accummenciata ô XVIII seculo Vuje forze manco ’o ssapiveve ca mo mmo simmo trasute int’a ll’anno d’ ’o Voje (o Vùfero), animale sìmmolo ’e cuòccio e fforza d’anema. Però ’o ssapevano buono ’e 12.500...

Teatro, la casa diventa scena

Teatro, la casa diventa scena

Oggi in diretta sulla pagina Facebook del Suor Orsola Benincasa il progetto “Screen Life Theatre” “Screen Life Theatre”. La casa che diventa scena. Azioni performative che dalle case degli attori raggiungono le case degli spettatori. Sono le nuove frontiere del teatro...

Carnevale in tempo di pandemia

Carnevale in tempo di pandemia

Quest’anno i festeggiamenti saranno diversi dal solito: prevarranno le regole sulla tradizione Il Carnevale è la festa del disordine, carnem levare, eliminare la carne, una festa pagana, che a Roma si legava ai Baccanali, in onore di Bacco, dio del vino, della...

Mezzogiorno, beni culturali e la loro valorizzazione

Mezzogiorno, beni culturali e la loro valorizzazione

È interessante talvolta ritrovare libri che trattano problematiche poste in essere vari lustri e decenni fa e che - nonostante il tempo trascorso - non sono adeguatamente evolute. Sono questi squarci editoriali infatti che lasciano intravedere l’attenzione e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te