La Tangenziale più antica?

da | Ott 23, 2017 | Storia | 0 commenti

la tangenziale più antica

La Tangenziale di Napoli (AGNFOTO)

Di strade tangenziali al centro cittadino, Napoli è pioniera. Si considerava tale la strada carrozzabile di Toledo, voluta nel 1536 dal viceré Don Pedro de Toledo per collegare agevolmente la vecchia città alla nuova residenza vicereale, che poi sarebbe stata demolita nel 1600 per fare spazio al nuovo Palazzo Reale di Domenico Fontana. L’asse stradale fu ricavato interrando il Chiavicone, una fogna ad alveo aperto che, da Montesanto, scendeva verso il mare raccogliendo l’acqua piovana e i liquami della collina del Vomero. L’aspetto di strada urbana iniziò ad assumerlo quando il Viceré fece edificarvi a ridosso, sul declivio della collina di San Martino, i nuovi quartieri dei militari spagnoli. Tre secoli dopo, nel 1853, Ferdinando II di Borbone spostò l’attenzione sulla zona a monte dei “quartieri spagnoli”, costellata da alcuni edifici religiosi espropriati nel precedente periodo napoleonico, fornendo delle indicazioni all’architetto urbanista Errico Alvino affinché progettasse e realizzasse un asse viario a scorrimento veloce sul tracciato periferico di un antico sentiero che aveva consentito ad Alfonso d’Aragona nel Quattrocento e ai giacobini nel 1799 di spostare velocemente le truppe militari da un capo all’altro della città, in modo da allacciare l’estremo orientale di Napoli a quello occidentale, e sfoltire il traffico di carrozze a Toledo e nel resto del centro. Alvino previde tre fasi di realizzazione per congiungere Piedigrotta con Capodimonte, e poté avviare velocemente i lavori per il primo tratto, dal Santuario della Madonna di Piedigrotta di Mergellina fino al complesso monastico di Suor Orsola Benincasa, passando per il Convento di Santa Lucia al Monte, completato in circa un mese e mezzo. Ferdinando II, dopo l’iniziale denominazione di strada delle Colline, intitolò la tangenziale alla consorte regina Maria Teresa, e fece divieto, con un lungimirante rescritto reale in materia di tutela e difesa paesistica, di edificazione sul lato panoramico della nuova strada affinché fosse preservata la vista del golfo, del Vesuvio e della città bassa. Le cronache del tempo riportarono apprezzamenti da ogni parte d’Europa per una “superstrada” incredibilmente panoramica a mezza costa che fu definita “il più bel loggiato del mondo”. Il secondo tratto, dal Suor Orsola Benincasa alla via dell’Infrascata, l’attuale via Salvator Rosa, fu portato a compimento nel 1873, dopo l’invasione sabauda, quando il toponimo corso Maria Teresa fu mutato in corso Vittorio Emanuele. Decaduti i vincoli paesaggistici borbonici, le banche piemontesi edificarono anche sul lato panoramico, e per noi è facile notare la differenza estetica tra il tratto borbonico e quello “piemontese” di una strada oggi congestionata dal traffico di una città che l’ha ingoiata. Il terzo tratto, dall’Infrascata alla strada per Capodimonte, fu addirittura cancellato, insieme a tutto lo sviluppo dell’area di Materdei. Un secolo dopo, in piena epoca di automobili e di più alte velocità, venne il tempo della prima vera autostrada urbana d’Italia, la Tangenziale di Napoli, l’unica opera pubblica realizzata in città nel dopoguerra prima della costruenda nuova metropolitana. Progettata negli anni Sessanta, in pieno miracolo economico, perché fosse un ponte viario da oriente a occidente, l’arteria è oggi una lunga striscia d’asfalto lunga 21 km che, da Casoria, si arrampica sulle colline di Capodimonte, dei Camaldoli e del Vomero per poi adagiarsi sulla zona flegrea verso Pozzuoli, raccordandosi infine con la via Domitiana. Come per la via Toledo e per il Corso Vittorio Emanuele, dopo l’abnorme sviluppo metropolitano, di strada tangente alla città non è più possibile parlare. Si tratta di una superstrada urbana che mostra il suo buon progetto, sul piano tecnico superiore persino al G.R.A. di Roma e alle tangenziali milanesi. Manca una corsia di emergenza, ma le soluzioni utilizzate consentirono di adattare il percorso alla particolare conformazione geologica tra mare e collina. Basti pensare alla galleria che attraversa il vulcano della Solfatara, che sopporta una temperatura di 40°, e al solido viadotto di Capodichino, che per 1.360 metri sorvola la città, capace di resistere indenne al terremoto del 1980 e di attirare l’interesse degli ingegneri giapponesi che accorsero a studiarlo. La Tangenziale di Napoli fu pensata proprio come autostrada, e infatti la denominazione ufficiale è “Autostrada A56”, con tanto di caselli e pedaggio, retaggio della sua costruzione. È una storia tutta napoletana, contrariamente a quanto accade a Roma, ma pure a Milano e a Torino, dove il pedaggio si paga solo in pochi punti di raccordo autostradale. L’infrastruttura fu ideata, progettata e realizzata con capitale interamente privato, primo esempio in Italia di project financing: 70% Iri, 15% Sme, 15% Banco di Napoli, senza finanziamenti dello Stato. Costruzione ed esercizio furono affidati alla Infrasud S.p.A. del gruppo Iri-Italsat, con denominazione “Tangenziale di Napoli S.p.A.”. Il pagamento del transito servì per sostenere i notevoli investimenti iniziali. 300 lire nel 1972, all’apertura al traffico del primo tratto Domitiana-Fuorigrotta. Oggi se ne pagano praticamente 1.840. Un tributo dovuto fino al 2001, per una convenzione della durata di trentatré anni tra Anas e società di gestione firmata il 31 Gennaio del 1968. Quando l’accordo scadde, il dazio proseguì nonostante l’assenza di motivazioni ufficiali, e per sette anni. La convenzione fu rinnovata nel 2008, con l’impegno da parte dell’azienda ad effettuare una serie di opere che giustificassero il prolungamento del balzello. Venduta dallo Stato ad Atlantia, società di cui è azionista principale la famiglia Benetton, la Tangenziale è presieduta da Paolo Cirino Pomicino. Il pedaggio, il cui 30% finisce al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, è anche causa di congestione del traffico, specialmente nelle ore di punta, e appare come un’iniqua tassa a carico degli automobilisti napoletani, anche in virtù del fatto che, dopo quarantacinque anni di esercizio, i costi iniziali sono stati ampiamente ammortizzati. Vero è che per l’arteria è predisposta una manutenzione d’eccezione, con una ripavimentazione costante, decine di telecamere su tutto il percorso (gallerie comprese, ndr), una complessa sala monitoraggio, tutor, barriere fonoassorbenti e display informativi. Un costo dimezzato, probabilmente, renderebbe più equo l’obolo a garanzia degli ottimi standard che la strada offre, ma nessuno dei soggetti interessati sembra disposto a fare un passo indietro.

Il rito del caffè a Napoli

La nascita di Neapolis

La nascita di Neapolis

Seconda tappa nel viaggio alla scoperta della storia della nostra città dalla fondazione ad oggi Una terra baciata dagli dei: a Nord alture imponenti che proteggevano dai venti, a Sud lo scenario di uno splendido mare, ad Est il misterioso pennacchio del Vesuvio e ad...

La sirena Partenope

La sirena Partenope

La storia di Napoli dalla nascita ai giorni nostri. La leggenda delle origini della città Dalla leggenda della sirena Partenope all’insediamento di Cuma Napoli (Neapolis, nuova città) ha almeno tremila anni di storia, senza contemplare il periodo preistorico del...

Un giorno della memoria per tutti

Un giorno della memoria per tutti

Non solo la Shoah: in Italia bisognerebbe ricordare anche le date che riguardano il massacro del Sud per unire l’Italia Mercoledì 27 gennaio è stata commemorata la Shoah, termine ebraico che indica una tempesta devastante, la giornata della memoria, per l’Olocausto...

L’impero e la “peste antonina”

L’impero e la “peste antonina”

Tra le grandi epidemie che hanno seminato distruzione e morte nell’antichità abbiamo già parlato della peste di Atene. Ma anche l’antica Roma fu sconvolta da una terribile pandemia, conosciuta con il nome di “peste antonina” o “peste di Galeno” dal nome di colui che...

Quando la peste decimò Atene

Quando la peste decimò Atene

Il Coronavirus, dopo aver seminato panico e morte in Cina e in alcune nazioni dell’Asia, sta ora provocando una strage senza limiti in Europa, con particolare accanimento in Italia. Ma la storia dell’antichità è costellata da epidemie del genere, che provocarono...

Chiesa dei Santi Cosma e Damiano: restauro quasi ultimato

Chiesa dei Santi Cosma e Damiano: restauro quasi ultimato

Sono trascorsi due anni e finalmente possiamo dire che il restauro della Chiesa dei Santi Cosma e Damiano può considerarsi quasi ultimato. I lavori della chiesa, ubicata in largo banchi nuovi e di proprietà della Curia arcivescovile, sono stati formalizzati nel 2017,...

Via Carbonara: una storia tra sangue e rifiuti

Via Carbonara: una storia tra sangue e rifiuti

Procedono i lavori del Grande Progetto UNESCO in via Carbonara. Ci troviamo in una zona fuori dalle mura della città di Napoli, un luogo che nel lontano medioevo era chiamato ad carbonetum: destinato a raccogliere i rifiuti fuori dalle mura cittadine. Via Carbonara...

Porta Capuana: lavori a rilento del GP UNESCO

Porta Capuana: lavori a rilento del GP UNESCO

Porta Capuana: una porta maestosa affiancata da due torri che rappresenta il più antico ingresso alla città di Napoli. Il Grande Progetto UNESCO ha stanziato circa 1.500.000 euro per riqualificare l'intera area di Porta Capuana, ma, ad oggi, i lavori procedono a...

Ischia: la piccola Islanda

Ischia: la piccola Islanda

L'accostamento dell'isola d'Ischia all'Islanda viene fatto per la presenza di numerose sorgenti termali ad elevata temperatura. Ischia è venuta a formarsi attraverso una serie di attività effusive (colate di lava e duomi) ed esplosive (tufi) di numerosi vulcani. Il...

Procida e il miracolo di San Michele Arcangelo

Procida e il miracolo di San Michele Arcangelo

Procida, la più piccola isola del Golfo di Napoli, presenta una distanza minima dalla terraferma ed è collegata con un piccolo ponte alla vicina isola di Vivara. Le sue coste danno vita a meravigliose baie e promontori molto ambiti soprattutto nel periodo estivo. Gli...

Capri: la leggenda della campanella di San Michele

Capri: la leggenda della campanella di San Michele

Capri, una tra le isole più belle al mondo, è di sicuro tra le colonne portanti del turismo in Italia. Un'isola ricca di bellezza e fascino che cela anche alcune leggende. Tra queste la più antica è quella della campanella di San Michele. La leggenda vede come...

La storia mitologica sull’origine di Ischia

La storia mitologica sull’origine di Ischia

Non tutti sanno che le origini di Ischia, la nota isola verde, sono legate ad un'antichissima storia mitologica. Una storia, a metà strada tra mito e leggenda, che inizia con la furiosa lotta dei Titani che presero d'assalto l'Olimpo, rivoltandosi contro il re degli...

La leggenda sulla ninfa che ha dato il nome alla città di Amalfi

La leggenda sulla ninfa che ha dato il nome alla città di Amalfi

Ogni anno la costiera amalfitana dà il benvenuto a un fiume di turisti, italiani e stranieri, mossi dalla curiosità di visitare le bellezze storiche-artistiche e paesaggistiche che regala l'intera costiera. Tra le mete più ambite ritroviamo la città di Amalfi. Di...

Amalfi e il miracolo di Sant’Andrea

Amalfi e il miracolo di Sant’Andrea

Amalfi, una delle perle della Costiera Amalfitana, è un luogo ricco di storie e leggende, e tra queste, una è conosciuta con il nome di "miracolo di Sant'Andrea". La storia è ambientata nel periodo medioevale, quando la città di Amalfi era minacciata di essere...

Vietri sul Mare: la leggenda dei “Due Fratelli”

Vietri sul Mare: la leggenda dei “Due Fratelli”

Tra le bellezze della Costiera Amalfitana ritroviamo la nota Vietri sul Mare, un luogo sospeso tra mito e realtà, un luogo che è caratterizzato dalla presenza di due scogli identici che si posizionano tra la costa ed il mare. I due scogli in questione sono diventati...

Le origini dei laghi Flegrei: lago Lucrino e d’Averno

Le origini dei laghi Flegrei: lago Lucrino e d’Averno

Continua la nostra collaborazione con il geologo Bruno De Simone per concludere il capitolo sui laghi dei Campi Flegrei. Stavolta le nostre attenzioni sono rivolte sullo studio del lago Lucrino e a seguire del lago d'Averno. Il lago di Lucrino è un lago di barra...

Alla scoperta dei laghi: Fusaro e Miseno

Alla scoperta dei laghi: Fusaro e Miseno

Il geologo Bruno De Simone ha eseguito per molti anni degli studi sui laghi dei Campi Flegrei, e da tali studi, vi racconteremo cosa è emerso. Come è noto, i laghi dei Campi flegrei sono quattro: Fusaro, Miseno, Averno e Lucrino. Essi rappresentano ecosistemi...

Campi Flegrei nati da due eruzioni

Campi Flegrei nati da due eruzioni

I Campi Flegrei un tempo non esistevano. Questa terra, creata dall'attività costruttiva dei vulcani, è ricca di bellezze naturali e di un patrimonio archeologo e artistico inestimabile. Una terra dove si insediarono prima i greci e poi i romani. L'isola di Nisida, per...

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

Giro d’Italia? Meglio delle Due Sicilie

di Gennaro De Crescenzo* Il dibattito in questi giorni è vivace: il Giro d'Italia anche quest'anno ha di fatto cancellato il Sud con l'eccezione di una fugace apparizione pugliese e abruzzese, tra San Giovanni Rotondo e Vasto-L'Aquila. In queste ore una provocazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te